Skip to content

Scarico fumi caldaia camera stagna


Questo tipo di generatore di calore è comunemente detto “caldaia a camera stagna”: il prelievo dell'aria comburente e lo scarico dei fumi. Mentre, i fumi di scarico vengono evacuati all'esterno tramite la canna fumaria;; caldaie a camera stagna, nelle quali tutto il circuito di. canne fumarie o altri sistemi di evacuazione dei fumi con sbocco sopra il tetto dell'edificio. Scarico a parete solo in sostituzione con caldaie a condensazione o Offerta caldaia Vaillant turboBLOCK Plus VM IT / a camera stagna. Caldaia a camera stagna in canna fumaria collettiva ramificata può essere sostituita con: caldaia a condensazione (con scarico a parete.

Nome: scarico fumi caldaia camera stagna
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 26.27 Megabytes

Le varie tipologie di caldaia hanno diverse modalità per lo scarico dei fumi che andiamo a descrivervi in base alle attuali disponizioni Procediamo a descrivervi tutte le novità in merito allo scarico fumi Caldaia La linea generale della disposizione è quella di affermare come scelta primaria quella dello scarico fumi mediante canna fumaria a tetto.

È bene notare che la normativa non contempla tutte le altre possibilità. Va anche ricordato che questo obbligo si applica a impianti con potenza inferiore ai 35kW. I condomini e le costruzioni indipendenti con caldaie a gas, quindi, dovrebbero costruire o utilizzare canne fumarie centralizzate o ramificate adatte allo scopo.

La linea generale della disposizione è quella di affermare come scelta primaria quella dello scarico fumi mediante canna fumaria a tetto.

È bene notare che la normativa non contempla tutte le altre possibilità. Va anche ricordato che questo obbligo si applica a impianti con potenza inferiore ai 35kW.

I condomini e le costruzioni indipendenti con caldaie a gas, quindi, dovrebbero costruire o utilizzare canne fumarie centralizzate o ramificate adatte allo scopo.

Ricordiamo che, per le specifiche tecniche sulle distanze tra lo scarico a parete ed eventuali fabbricati vicini, occorre sempre fare riferimento alla norma generale UNI, nel suo ultimo aggiornamento, che disciplina questo aspetto specifico. Esistono poi almeno due condizioni che permettono di scaricare a parete i gas anche di caldaie che non sono a condensazione oppure a camera stagna. Un secondo caso è costituito dalla impossibilità tecnica a far raggiungere ai propri gas di scarico il tetto: si tratta di situazioni in cui, dietro certificazione da parte di un tecnico autorizzato, non è possibile allacciarsi alla canna condominiale oppure realizzare una propria canna che raggiunga il tetto senza causare danni a strutture comuni o per limiti tecnici insuperabili.

Installazione di una canna fumaria in condominio per la propria caldaia E' sicuramente uno dei temi più dibattuti: l'installazione di una canna fumaria in condominio per fruire di un sistema di riscaldamento proprio, ma cosa è possibile costruire, installare esattamente? La normativa UNI CIG che sancisce le regole in materia dell'evacuazione dei prodotti della combustione, nei sistemi di potenza termica nominale non superiore ai 35 Kw, mette in evidenza che tale tipologia di caldaia deve avere un condotto di evacuazione fumi che termini al di sopra del tetto dell'edificio, in modo da espellere i prodotti della combustione in una zona che non arrechi disturbo a nessun oggetto o persona.

In tale normativa è presente anche la possibilità di deroga per abitazioni di pregio o con impedimenti o limiti nell'installazione di un qualsiasi tipo di canna fumaria.

La tipologia di caldaia a camera stagna, come detto sopra, è una delle soluzioni più in voga del momento, in quanto presenta delle elevate prestazioni nel rendimento termico, un basso consumo di combustibile, ma sopratutto il vantaggio del tiraggio forzato. La caldaia a camera stagna è completamente isolata dal locale dedicato in cui viene installata - qualsiasi locale, anche bagno e zone più delicate - e funziona eseguendo il prelievo e la successiva espulsione dell'aria direttamente dall'ambiente esterno, mentre il tiraggio, per permettere la circolazione dell'aria, viene forzato tramite un ventilatore.

Nel caso di condotti separati, il sistema è completato con un condotto o apertura di compensazione: apertura o condotto di collegamento tra il condotto aria e il condotto fumi in una canna combinata fig.

Canna fumaria collettiva ramificata C. Figura 6 — Canna fumaria collettiva ramificata. Nei casi di collocazione interna si parla di sistema intubato in cavedio o asola tecnica, ossia un vano a sviluppo prevalentemente verticale, senza soluzione di continuità strutturale ai piani, con perimetro chiuso rispetto gli ambienti interni, costruito con materiali non combustibili, libero e per uso esclusivo.

Nei casi di risanamento del sistema, ad esempio dopo la sostituzione del generatore o per inadeguatezza di altra natura del sistema fumario esistente, possono essere trasformati in asole tecniche anche camini e canne fumarie dismessi. I sistemi intubati sono dunque sistemi multipli che possono accogliere sia camini che canne fumarie in pressione o depressione.

Come per i canali da fumo, i camini e le canne fumarie devono essere costruiti conformemente alle normative europee per la certificazione CE dei materiali.


Articoli simili:

Categorie post:   Giochi
  • By Ricci